Isidoro

Posti accreditati: 14  Posti Liberi: 2 Lista d'attesa :2

DACCI UNA MANO: Fai una donazione IBAN IT58S0306909606100000019411

SCOPI E MOTIVAZIONI

Gli scopi della terapia del lavoro sono molto ampi e devono raggiungere tutti gli aspetti principali di una persona. Per questo  tutta l’attività ergoterapica che si svolge in comunità o fuori dalla comunità, a seconda delle esigenze, tende ad una rigorosa programmazione, ad un regolare e costante impegno nell'esecuzione del lavoro ed a una puntuale verifica. L'utente è seguito costantemente da volontari esperti del settore, che insieme a lui analizzano ogni tipo di intervento, aiutandolo a coglierne gli aspetti più positivi, lasciandogli una certa quota di responsabilità dell'esecuzione (più o meno ampia), ma fornendogli le competenze organizzative e tecniche per imparare veramente.
Le motivazioni di fronte allo svolgimento di un lavoro sono da ricercarsi sia nell’utilità intrinseca del lavoro stesso, i cui frutti rispondono alle necessità proprie o di altri, sia nell’impiego del proprio tempo in modo utile e costruttivo, sia nelle competenze professionali e personali che il soggetto può sviluppare tramite lo svolgimento di un lavoro. A questo proposito, consideriamo da un lato le capacità tecniche che l’utente può acquisire imparando un’attività, dall’altro, in linea con le finalità di crescita personale del percorso comunitario, il lavoro permette alla persona di sviluppare anche aspetti del proprio carattere, che possono rivelarsi fondamentali nell’uscita dalla tossicodipendenza. Ad esempio, lavorando è possibile maturare nella costanza, nella collaborazione con altre persone, nella programmazione, nella creatività, nella pazienza necessaria all’apprendimento, nella capacità di far fronte agli imprevisti e adattarsi alle necessità, di farsi carico di una responsabilità e di renderne conto. Particolarmente importante è anche l’allenamento della volontà di perseguire un obiettivo, senza cedere di fronte a delusioni, imparando e risollevandosi da eventuali errori.
Il livello di responsabilità che viene lasciato all’utente varia a seconda della mansione in oggetto e delle specifiche capacità che egli dimostra di possedere in una determinata attività. È fondamentale, in ogni caso, la sua disponibilità a confrontarsi con i volontari che seguono i lavori, nel rispetto reciproco.